• aprile

    9

    2016
  • 3282
La timidezza:  un ostacolo o una risorsa?

La timidezza: un ostacolo o una risorsa?

La timidezza:

un ostacolo o una risorsa?nano timido

Alcune persone non vanno ad una festa se non conoscono nessuno lasciando che la timidezza ostacoli la loro crescita personale.

E’ possibile superare la timidezza e diventare persone socievoli e ben volute dagli altri.

Chi non si e’ mai sentito rosso come un pomodoro o non ha sentito le gambe tremare parlando in pubblico?

La timidezza e’ una sensazione comune. Alcune persone per nasconderla adottano atteggiamenti aggressivi.

Le Cause

L’ipotesi biologica sostiene che le persone timide siano differenti da un punto di vista psicologico e genetico, in quanto le aree cerebrali della loro capacita’ di generare reazioni di paura si attivano piu’ facilmente.

La teoria dell’apprendimento sostiene che le prime esperienze possano influenzare in modo significativo il modo in cui le persone reagiscono alle altre e agli eventi.

Se un bambino viene pesantemente criticato da suo padre ogni volta che corre per casa, si rifugera’ nel guscio della timidezza e fara’ il possibile per proteggersi dal giudizio degli altri.

Possono favorire un’eccessiva timidezza anche cambiamenti in ambito lavorativo, familiare, scolastico o di residenza, nuove attivita’ come parlare in pubblico o interagire con degli estranei. O ancora esperienze negative in situazioni sociali come un rifiuto, un’esclusione, un’intimidazione. Anche l’aver osservato esperienze sociali negative o di ansia sociale nei genitori o in persone significative puo’ contribuire ad un’eccessiva timidezza.

Attualmente si e’ propensi ad ipotizzare che nella crescita di una persona timida siano coinvolti sia il fattore genetico che quello di apprendimento.

Cosa fare?


toto' timido

L’isolamento e’ una componente inseparabile della personalita’ dell’individuo timido ed una parte integrante della sua struttura psichica, emotiva e fisiologica.

Non e’ corretto quindi parlare di cura, anzi e’ perfino assurdo in quanto se cosi’ fosse, la persona potrebbe perdere molti aspetti positivi della sua natura.

E’ bene invece accettare questi aspetti e modificare quelli che risultano problematici e d’impedimento.

Purtroppo per molte persone la timidezza rappresenta un fardello pesante.

Familiari, insegnanti, amici, mass media, seppure in buona fede, hanno attribuito spesso una connotazione negativa alla timidezza, ferendo le persone timide.

E’ importante liberarsi dagli stereotipi distruttivi.

Quando la timidezza procura una sensazione sgradevole e si trasforma in un problema e’ importante scoprire quali sono le vere cause della timidezza, considerarsi inferiore agli altri, aver paura di sbagliare, pensare che la propria opinione non interessi a nessuno …

Puo’ aiutare a comprendere il fatto di analizzare cio’ che ci accade e cercare di capirne le ragioni, cosa si prova e cosa si pensa quando si vive una situazione che genera piu’ timidezza del solito.

Quando poi il momento difficile da affrontare si presenta, e’ importante concedersi il tempo necessario per capire se quel problema puo’ essere superato.

Essere timidi non significa essere introversi. Ci sono persone timide che si relazionano bene con gli altri. Le persone introverse, invece, si aprono poco, non ‘uscendo’ molto da se stesse.

La timidezza: un dono o un pesante fardello?


timidezza

Dipende dal modo in cui la si vive. Ci si puo’ sentire vittime o utilizzare la particolare sensibilita’ propria della persona timida approcciando agli altri in modo calmo e caloroso potenziando le proprie qualita’.

Le persone timide solitamente hanno una sensibilita’ speciale, la capacita’ di assorbire l’essenza di altri esseri umani e interagire ad un livello emozionale molto profondo.

Al tempo stesso questo puo’ renderle fragili, vulnerabili, possono essere ferite se non si proteggono dagli ambienti ostili.

Un dono delle persone timide generalmente e’ quello di essere molto riflessive, utilizzando la loro intelligenza per generare nuove idee e punti di vista.

Un altro dono delle persone timide e’ quello di saper ascoltare: in una societa’ dove tutti desiderano parlare, pochi sanno ascoltare in quanto l’ascolto implica il fatto di essere in perfetta armonia con cio’ che dice l’interlocutore e questo solitamente ai timidi riesce naturale.

 

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO

A disposizione per informazioni e/o fissare un incontro per un colloquio nel mio studio.

CONTATTI
Ultimi Articoli
Articoli più letti
Depressione / Bambini, adolescenti e genitori / Adulti e giovani adulti / Disturbi specifici dell'apprendimento /
Amore e terapia di coppia / Fobia scolare / Ansia, fobie, attacchi di panico

​Studio ​Psicologa Milano Maciachini / ​​Studio Psicologo Milano ​​Zara /​ ​​Studio Psicologo Milano Garibaldi /​ ​​Studio Psicologo Milano Isola /​ ​​Studio Psicologo Milano Niguarda /​ ​​ Studio Psicologo Milano Buenos Aires / ​
​​Studio Psicologo Milano Stazione Centrale /​ ​​Studio Psicologo Milano Piazza Repubblica /​ ​​Studio Psicologo Milano Porta Venezia /​ ​​Studio Psicologo Milano Loreto /​ ​​Studio Psicologo Milano Lima


© Copyright 2015 ROSSELLA FUMIA, Psicologa Milano / P.IVA 08329390960 / Privacy / Sito Web: Studio 24